La città degli scacchi

CITTà

MAROSTICA

Distanza da Villa Solatia

25.2

chilometri

Durata consigliata escursione

1/2 Giornata

La città murata più spettacolare della provincia di Vicenza è indubbiamente Marostica. Adagiata sulla fascia pedemontana, deve il suo aspetto fortificato alla dinastia degli Scaligeri che nel XIV secolo hanno fatto erigere il castello superiore sul colle Pausolino, il castello inferiore e la cerchia muraria di collegamento. Nella piazza a settembre degli anni pari si gioca la celebre partita a scacchi con personaggi viventi in costume, con oltre trecento comparse vestite da cavalieri, dame, arcieri, con veri campioni internazionali di scacchi.

- Marostica è anche la città delle ciliegie: da non perdere la fioritura primaverile e l'acquisto di un cesto delle squisite amarene!

IL CASTELLO INFERIORE

Con la conquista scaligera di Vicenza ad opera di Cangrande Della Scala (aprile 1311) il territorio vicentino viene sottratto alla «custodia» padovana.Inizia così il periodo della dominazione scaligera (1311-1387).
Con Cangrande viene avviato il processo di ridefinizione urbanistica di Marostica con lo spostamento del cuore della città dall'antico Borgo, romano e medioevale, all'attuale centro intramurario. Agli anni 1312 e successivi risale, infatti, la costruzione del Castello Inferiore, detto anche Castello Da Basso, e del Castello Superiore. Il Castello Inferiore, tutto merlato, ha pianta rettangolare ed è un tipico castello-recinto costruito a ridosso di un imponente Mastio. Costituisce un pregevole esempio di architettura militare. Dopo la guerra della Lega di Cambrai (1509-1510) il podestà trasferì la sua sede dal Castello Superiore, gravemente danneggiato, al Castello Inferiore.

IL CASTELLO SUPERIORE

La costruzione del castello risale al tempo di Cangrande della Scala e dei suoi eredi, Mastino e Cansignorio (1311-1387). All’interno, il basamento e le murature rimaste consentono di visualizzare la piazza d’armi e il recinto fortificato, rimandando ad imminenti restauri la valorizzazione della torre, mozzata e ostruita dal terreno di riporto, e di altre strutture di cui si ha evidenza storica, come una chiesetta e un mulino. La visita del Castello Superiore, oltre che per la suggestione d’ambiente, offre una visuale amplissima da Bassano del Grappa, con la valle del Brenta, fino a Vicenza, sullo sfondo dei Colli Berici grazie al dislivello di oltre 150 metri sulla pianura. ( Attualmente in ristrutturazione, 2020 ndr)

LA LEGGENDARIA PARTITA A SCACCHI

La leggendaria partita a scacchi è una rievocazione storica organizzata per la prima volta nel 1950. Si tiene la seconda domenica di settembre nella famosa Piazza degli Scacchi o a Piazza Castello a Marostica e coinvolge oltre 600 figuranti in costume medievale, cavalli armati, sbandieratori, guitti e sputafuoco.
La partita, con pedine viventi in costume, rievoca la leggendaria partita che si giocò nel 1454 tra Rinaldo d’Angarano e Vieri da Vallonara, per contendersi la mano della bella Lionora innamorata del Vieri. Il padre della sposa, indeciso nella scelta e per evitare il duello con la spada, come si usava a quel tempo, risolse la questione con una partita a scacchi in piazza, decretando che il vincitore avrebbe avuto in sposa la figlia Lionora, mentra il perdente avrebbe avuto la mano della sorella Oldrada, di età più matura ma ancora piacevole e fertile donna.
In sedici, venti mosse, vengono riproposte le partite più famose della Storia degli Scacchi, scelte accuratamente dal circolo scacchistico di Marostica.